Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Verso una valutazione personalizzata del rischio nei pazienti con insufficienza cardiaca cronica: modelli temporali dettagliati di NT-proBNP, troponina T e CRP nello studio Bio-SHiFT


È stata esaminata l'informazione prognostica di modelli temporali dettagliati del frammento N-terminale della propeptide di tipo B ( NT-proBNP ), troponina T ad alta sensibilità ( hs-TnT ) e proteina C-reattiva ( CRP ) in pazienti con insufficienza cardiaca cronica.

È stato utilizzato il primo ciclo di inclusione ( 2011-2013, n=263 ) dello studio Bio-SHiFT in corso.
I biomarcatori sono stati misurati al basale e ogni 3 mesi.

L'endpoint primario comprendeva ospedalizzazione per insufficienza cardiaca, mortalità cardiovascolare, trapianto cardiaco e impianto di un dispositivo di assistenza ventricolare sinistro.
Sono state studiate le associazioni tra i modelli di biomarcatori temporali e l’endpoint primario.

L'età media era di 67 anni, il 72% era rappresentato da uomini, il 95% aveva disfunzione sistolica e il 73% era nella classe NYHA I o II.

Il follow-up mediano è stato di 2.2 anni.

Sono stati utilizzati 2.022 campioni di sangue ( mediana 9 per paziente ) e 70 pazienti ( 27% ) hanno raggiunto l’endpoint primario.

I modelli temporali di NT-proBNP, hs-TnT e CRP sono stati associati all’endpoint primario ( hazard ratio aggiustato per variabili per il raddoppio del biomarker: NT-proBNP 2.28, hs-TnT 2.05 e CRP 1.65 ).

Un modello combinato di 3 biomarcatori ha dimostrato associazioni indipendenti per gli schemi temporali del livello di NT-proBNP e CRP ( hazard ratio, HR=2.06 e HR=1.38, rispettivamente ).

Anche il cambiamento istantaneo del livello di biomarker è stato associato indipendentemente all’endpoint primario per NT-proBNP e CRP.

L'elevazione del biomarcatore a lungo termine ha mostrato un'associazione per NT-proBNP.

In conclusione, i modelli temporali che rappresentano l'evoluzione del livello e della velocità di cambiamento nel livello di NT-proBNP e CRP e l'aumento a lungo termine di NT-proBNP sono stati indipendentemente associati alla prognosi sfavorevole nei pazienti con insufficienza cardiaca cronica.
I modelli individuali di cambiamento e la combinazione di più biomarcatori potrebbero aggiungere valore alla prognosi e alla guida della terapia. ( Xagena2018 )

van Boven N et al, Am Heart J 2018; 196: 36-48

Cardio2018



Indietro