Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Terapia guidata da NT-proBNP nella insufficienza cardiaca scompensata acuta


Il concetto di guida del peptide natriuretico è stato ampiamente studiato in pazienti con insufficienza cardiaca cronica, con un successo limitato.
Non è stato studiato l'effetto della terapia guidata da NT-proBNP ( frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico di tipo B ) nei pazienti con insufficienza cardiaca scompensata acuta utilizzando un target di NT-proBNP.

Si è valutato in uno studio prospettico randomizzato controllato se la terapia guidata da NT-proBNP nei pazienti con insufficienza cardiaca scompensata acuta, utilizzando un target NT-proBNP relativo, porti a risultati migliori rispetto alla terapia convenzionale ( riduzione superiore al 30% dall'ammissione alla dimissione ).

Erano eleggibili i pazienti con insufficienza cardiaca scompensata acuta con livelli di NT-proBNP superiori a 1.700 ng/l.
Dopo aver raggiunto la stabilità clinica, 405 pazienti sono stati randomizzati al trattamento guidato da NT-proBNP o al trattamento convenzionale.

L'endpoint primario era duplice: un composito di mortalità per tutte le cause e riammissioni per scompenso cardiaco in 180 giorni e il numero di giorni in vita fuori dall'ospedale in 180 giorni.
Gli endpoint secondari erano la mortalità per tutte le cause entro 180 giorni, le riammissioni per scompenso cardiaco entro 180 giorni e un composito di mortalità per tutte le cause e riammissioni per insufficienza cardiaca entro 90 giorni.

Significativamente più pazienti nel gruppo di terapia guidata da NT-proBNP sono stati dimessi con una riduzione di NT-proBNP superiore al 30% ( 80% vs 64%, P=0.001 ).

Nondimeno, la terapia guidata da NT-proBNP non ha migliorato significativamente il tasso di eventi combinati per mortalità per tutte le cause e riammissioni per insufficienza cardiaca ( hazard ratio, HR=0.96, P=0.99 ) o il numero mediano di giorni in vita al di fuori dell'ospedale ( 178 vs 179 giorni per NT-proBNP rispetto ai pazienti con terapia convenzionale, P=0.39 ).

La terapia guidata non ha migliorato significativamente nessuno degli endpoint secondari.

In conclusione, lo studio PRIMA II ( Can NT-ProBNP-Guided Therapy During Hospital Admission for Acute Decompensated Heart Failure Reduce Mortality and Readmissions ? ) ha dimostrato che la guida della terapia per insufficienza cardiaca per raggiungere una riduzione di NT-proBNP maggiore del 30% dopo stabilizzazione clinica non ha migliorato gli esiti a 6 mesi. ( Xagena2018 )

Stienen S et al, Circulation 2018; 137: 1671-1683

Cardio2018



Indietro