Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Terapia antinfiammatoria con Canakinumab per la prevenzione del ricovero per insufficienza cardiaca


L'infiammazione subclinica è associata a un aumentato rischio di insufficienza cardiaca e prognosi avversa in pazienti con insufficienza cardiaca accertata.
Tuttavia, i trattamenti specificamente diretti a ridurre l'infiammazione nei pazienti con insufficienza cardiaca non hanno ancora mostrato esiti clinici migliori.

È stata esaminata l'ipotesi secondo cui l'inibitore dell'interleuchina-1-beta ( IL-1beta ) Canakinumab possa prevenire il ricovero per insufficienza cardiaca ( HHF ) e il composito di HHF o mortalità correlata all'insufficienza cardiaca.

Sono stati randomizzati 10.061 pazienti con precedente infarto del miocardio e proteina C-reattiva ad alta sensibilità ( hsCRP ) maggiore o uguale a 2 mg/l a Canakinumab 50, 150 o 300 mg oppure a placebo, somministrati per via sottocutanea una volta ogni 3 mesi.

In totale, 2.173 ( 22% ) hanno riportato una storia di insufficienza cardiaca al basale.

È stata verificata l'ipotesi che Canakinumab prevenga eventi di HHF raccolti in modo prospettico e il composito di ospedalizzazione per scompenso cardiaco o mortalità correlata all'insufficienza cardiaca.

In totale 385 pazienti hanno avuto un evento di ospedalizzazione per scompenso cardiaco durante un follow-up mediano di 3.7 anni.

I pazienti ospedalizzati per scompenso cardiaco erano più anziani, avevano un indice di massa corporea ( BMI ) più elevato e avevano maggiori probabilità di avere diabete mellito, ipertensione e precedente intervento chirurgico di bypass coronarico ( CABG ).

Come anticipato, le concentrazioni mediane al basale di proteina C reattiva ad alta sensibilità erano più elevate tra coloro con ospedalizzazione per scompenso cardiaco durante il follow-up rispetto a quelli che non lo avevano ( 5.7 mg/l rispetto a 4.2 mg/l, rispettivamente; P minore di 0.0001 ).

Gli hazard ratio non-aggiustati per ospedalizzazione per scompenso cardiaco con ciascuna dose di Canakinumab rispetto al placebo sono stati 1.04 per 50 mg, 0.86 per 150 mg e 0.76 per 300 mg ( P per trend=0.025 ).

Anche il composito di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca o mortalità correlata all'insufficienza cardiaca è stato ridotto da Canakinumab, con hazard ratio non-aggiustati di 1.00 per 50 mg, 0.88 per 150 mg e 0.78 per 300 mg ( P per trend=0.042 ).

Questi dati randomizzati in doppio cieco controllati verso placebo hanno indicato che la terapia con Canakinumab, un inibitore dell'interleuchina-1-beta, è correlata a una riduzione dose-dipendente di ospedalizzazione per scompenso cardiaco e al composito di ospedalizzazione per scompenso cardiaco o mortalità correlata all'insufficienza cardiaca in una popolazione di pazienti con precedente infarto del miocardio ed aumenti dei livelli della proteina C-reattiva ad alta sensibilità. ( Xagena2019 )

Everett BM et al, Circulation 2019; 139: 1289-1299

Cardio2019 Farma2019


Indietro