52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Ricovero in ospedale per insufficienza cardiaca cronica di diagnosi recente o in peggioramento


Non è chiaro in che modo i pazienti ospedalizzati per insufficienza cardiaca acuta che sono sopravvissuti con insufficienza cardiaca cronica a lungo termine differiscono da quelli con diagnosi di insufficienza cardiaca più recente.

Lo studio ASCEND-HF ( Acute Study of Clinical Effectiveness of Nesiritide in Decompensated Heart Failure ) ha valutato l'influenza della cronicità della insufficienza cardiaca sui profili e gli esiti dei pazienti con insufficienza cardiaca acuta.

Lo studio ha assegnato in modo casuale 7.141 pazienti ospedalizzati con insufficienza cardiaca acuta con frazione di eiezione ridotta o preservata a ricevere Nesiritide oppure placebo in aggiunta alle cure standard.

L’analisi ha confrontato i pazienti in base alla durata della diagnosi di insufficienza cardiaca prima dell'ospedalizzazione indice utilizzando cutoff predefiniti ( da 0 a 1 mese, cioè, diagnosi recente, da più di 1 a 12 mesi, da più di 12 a 60 mesi e da più di 60 mesi ).

Complessivamente, 5.741 pazienti ( 80.4% ) avevano durata documentata della diagnosi di insufficienza cardiaca ( diagnosticata di recente, n=1.536; da più di 1 a 12 mesi, n=1.020; da più di 12 a 60 mesi, n=1.653; da più di 60 mesi, n=1.532 ).

Nei gruppi di durata di insufficienza cardiaca, l'età media variava da 64 a 66 anni e la frazione di eiezione media variava dal 29% al 32%.

Rispetto ai pazienti con una più lunga durata di insufficienza cardiaca, i pazienti con diagnosi recente avevano più probabilità di essere donne con eziologia di insufficienza cardiaca non-ischemica, pressione arteriosa al basale più alta, migliore funzionalità renale al basale e meno comorbidità.

Dopo aggiustamento, rispetto ai pazienti con diagnosi recente, i pazienti con più lunga durata di insufficienza cardiaca sono risultati associati a dispnea più persistente a 24 ore ( da più di 1 a 12 mesi, odds rati,o OR: 1.20; da più di 12 a 60 mesi, OR: 1.34; da più di 60 mesi, OR: 1.31 ) e ad aumento della mortalità a 180 giorni ( da più di 1 a 12 mesi, hazard ratio, HR: 1.89; da più di 12 a 60 mesi, HR: 1.82; da più di 60 mesi, HR: 2.02 ).

L'influenza della durata di insufficienza cardiaca sulla mortalità è stata potenzialmente più pronunciata tra le pazienti di sesso femminile ( P interazione=0.05 ), ma non differiva in base all'età, all’etnia, alla precedente cardiopatia ischemica o alla frazione di eiezione ( P per tutte le interazioni maggiore o uguale a 0.23 ).

In conclusione, in questo studio clinico riguardo all'insufficienza cardiaca acuta, il profilo del paziente differiva in base alla durata della diagnosi di insufficienza cardiaca.
Una diagnosi di insufficienza cardiaca da 1 mese o meno prima del ricovero è risultata indipendentemente associata a un maggiore sollievo della dispnea precoce e a una migliore sopravvivenza post-dimissione rispetto ai pazienti con diagnosi di insufficienza cardiaca cronica.
La distinzione tra insufficienza cardiaca de novo o recentemente diagnosticata e insufficienza cardiaca cronica in peggioramento dovrebbe essere presa in considerazione nella progettazione di futuri studi clinici sulla insufficienza cardiaca acuta. ( Xagena2017 )

Greene SJ et al, J Am Coll Cardiol 2017; 69: 3029-3039

Cardio2017



Indietro