Associazione Silvia Procopio
Reumatologia
Neurologia
OncoGinecologia.net

Profili dei biomarcatori nei pazienti con insufficienza cardiaca acuta con frazione di eiezione intermedia


In uno studio, sono stati utilizzati profili di biomarcatori per caratterizzare le differenze tra i pazienti con insufficienza cardiaca acuta con frazione di eiezione intermedia ( HFmrEF ) e sono stati confrontati con quelli di pazienti con frazione di eiezione ridotta ( insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta, HFrEF ) e conservata ( insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata, HFpEF ).

Un gruppo di 37 biomarcatori provenienti da diversi domini patofisiologici ( ad esempio, stiramento del miocardio, infiammazione, angiogenesi, stress ossidativo, emopoiesi ) sono stati misurati al momento del ricovero e dopo 24 ore in 843 pazienti con insufficienza cardiaca acuta dello studio PROTECT.
HFpEF è stata definita come frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) uguale o superiore al 50% ( n=108 ), HFrEF come FEVS inferiore al 40% ( n=607 ) e HFmrEF come FEVS tra il 40% e il 49% ( n=128 ).

I livelli di emoglobina e di peptide natriuretico del cervello ( 300 pg/ml HFpEF; 397 pg/ml HFmrEF; 521 pg/ml HFrEF; P trend minore di 0.001 ) hanno mostrato una tendenza al rialzo con FEVS decrescente.

L'analisi ha mostrato che in HFrEF ( ridotta ) le interazioni tra biomarcatori erano principalmente correlate allo stiramento cardiaco, mentre in HFpEF ( conservata ) le interazioni tra biomarcatori erano per lo più correlate all'infiammazione.

In HFmrEF ( intermedia ), le interazioni tra biomarcatori erano correlate sia all'infiammazione che allo stiramento cardiaco.

In HFpEF e HFmrEF ( ma non in HFrEF ), i marcatori di rimodellamento all'ammissione e i cambiamenti nei livelli dei marcatori infiammatori nelle prime 24 ore erano predittivi di mortalità per tutte le cause e riospedalizzazione a 60 giorni ( P trend minore di 0.05 ).

In conclusione, i profili dei biomarcatori nei pazienti con HFrEF ( ridotta ) acuta sono risultati principalmente correlati allo stiramento cardiaco e in HFpEF ( conservata ) correlati all'infiammazione.
I pazienti con HFmrEF ( intermedia ) hanno mostrato un profilo di biomarcatori intermedio con interazioni dei biomarcatori di stiramento cardiaco e di infiammazione. ( Xagena2017 )

Tromp J et al, JACC: Heart Failure 2017; 5: 507-517

Cardio2017



Indietro