52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Pazienti con insufficienza cardiaca, bassa frazione di eiezione e frequenza cardiaca superiore a 77 bpm: effetti benefici di Ivabradina


L'Ivabradina ( Corlentor, Procoralan ) è stata approvata per l'insufficienza cardiaca con ridotta frazione di eiezione ( HFrEF ) e frequenza cardiaca elevata nonostante la terapia medica diretta dalle lineeguida ( GDMT ) per ridurre la morte per cause cardiovascolari e il ricovero in ospedale per peggioramento dell'insufficienza cardiaca.
Il valore mediano di 77 bpm ( battiti per minuto ) è il limite inferiore selezionato per l'approvazione normativa in Canada, Sudafrica e Australia.

Gli esiti riportati dai pazienti ( PRO ), inclusi sintomi, qualità di vita e valutazione globale, sono considerati di grande interesse per il piano globale di cura dei pazienti con insufficienza cardiaca.
Tuttavia, l'impatto specifico della terapia medica diretta dalle lineeguida, e in particolare dell'Ivabradina, sui risultati riportati dai pazienti rimane scarsamente studiato.

Nel sottogruppo di pazienti dello studio SHIFT ( Systolic Heart failure treatment with the If inhibitor ivabradine Trial ) che avevano una frequenza cardiaca superiore alla mediana di 77 bpm ( analisi predefinita ) e per i quali ci si aspettava che il potenziale di miglioramento fosse maggiore, l'obiettivo è stato: (i) valutare gli effetti di Ivabradina sui PRO ( sintomi, qualità di vita e valutazione globale ); (ii) consolidare gli effetti di Ivabradina sull'endpoint composito primario di morte cardiovascolare e ricovero per insufficienza cardiaca; e (iii) rivalutare gli effetti di Ivabradina sul rimodellamento ventricolare sinistro.

I confronti sono stati effettuati in base alla terapia e sono stati utilizzati modelli di rischi proporzionali ( corretti per la terapia con beta-bloccante al basale ) per stimare l'associazione tra Ivabradina e i vari esiti.

Nello studio SHIFT, 3357 ( 51.6% ) pazienti avevano una frequenza cardiaca di base superiore a 77 bpm.

Dopo un follow-up mediano di 22.9 mesi ( intervallo inter-quartile 18-28 mesi ), l'Ivabradina, secondo il criterio GDMT, ha migliorato i sintomi ( miglioramento del 28% versus 23% della classe funzionale NYHA, P = 0.0003 ), la qualità di vita ( miglioramento di 5.3 versus 2.2 del punteggio complessivo di KCCQ ( Kansas City Cardiomyopathy Questionnaire ), P = 0.005 ), e la valutazione globale [ da entrambe le prospettive sia del paziente ( miglioramento nel 72.3% ) sia del medico ( miglioramento nel 61.0% ) significativamente più del placebo ( entrambi P inferiore a 0.0001 ).

L'Ivabradina ha indotto una riduzione del 25% nell'endpoint combinato di morte cardiovascolare e ricovero per insufficienza cardiaca ( hazard ratio, HR=0.75; P inferiore a 0.0001 ), che si è tradotto in un numero di pazienti che devono essere trattati per 1 anno per ottenere un beneficio ( NNT ) di 17.

I pazienti in trattamento con Ivabradina hanno mostrato una riduzione significativa delle dimensioni del ventricolo sinistro quando sono stati rivalutati a 8 mesi ( P inferiore a 0.05 ).

In conclusione, nei pazienti con scompenso cardiaco e ridotta frazione di eiezione, ritmo sinusale e frequenza cardiaca superiore a 77 bpm mentre sono in terapia GDMT, questa analisi fornisce nuove indicazioni sul ruolo di Ivabradina nel migliorare la gestione dello scompenso HFrEF, in particolare per quanto riguarda gli esiti riportati dai pazienti. ( Xagena2019 )

Bouabdallaoui N et al, ESC Heart Fail 2019; Epub ahead of print

Cardio2019 Farma2019


Indietro