Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Lo strain longitudinale globale predice la mortalità nell'insufficienza cardiaca acuta


Uno studio ha dimostrato che lo strain longitudinale globale è in grado di predire in modo più accurato la mortalità rispetto alla frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) nei pazienti con scompenso cardiaco acuto.

La deformazione longitudinale globale ha un valore prognostico maggiore della frazione di eiezione del ventricolo sinistro.
Pertanto, secondo i ricercatori della Seoul National University di Seangnam ( Corea del Sud ) lo strain longitudinale globale dovrebbe essere considerato come misura standard in tutti i pazienti con scompenso cardiaco.

Lo strain longitudinale globale è stato misurato in 4.172 pazienti con insufficienza cardiaca acuta. I pazienti sono stati classificati in base alla frazione di eiezione: ridotta ( inferiore al 40% ), intermedia ( 40-49% ) e conservata ( 50% ).

Lo strain leggermente ridotto è stato definito come strain longitudinale globale di almeno il 12.6%, lo strain moderatamente ridotto è stato definito come strain longitudinale globale tra 8.1% e 12.5% e lo strain fortemente ridotto è stato definito come strain longitudinale globale pari o inferiore all'8%.

L'endpoint primario era la mortalità per qualsiasi causa a 5 anni.

La FEVS media era del 40%, lo strain longitudinale globale medio era del 10.8%, e il 40.4% dei pazienti è deceduto a 5 anni.

I pazienti con frazione di eiezione ridotta avevano un tasso di mortalità del 41% contro il 38% di quelli con frazione di eiezione media e il 39% di quelli con frazione di eiezione conservata ( log-rank P = 0.031 ).

Tuttavia, c'è stata una differenza più significativa nella mortalità a 5 anni da parte della categoria con strain longitudinale globale ( gruppo forte riduzione, 49%; gruppo riduzione moderata, 38%; gruppo riduzione lieve, 34%; log-rank P inferiore a 0.001 ).

Quando i ricercatori hanno eseguito una analisi multivariata, hanno scoperto che ogni aumento dell'1% dello strain longitudinale globale era associato a un rischio di mortalità ridotto del 5% ( P inferiore a 0.001 ).

Rispetto al gruppo strain lievemente ridotto, il gruppo strain fortemente ridotto aveva una mortalità maggiore ( hazard ratio, HR=1.61, IC 95%, 1.36-1.91 ), così come il gruppo strain moderatamente ridotto ( HR=1.31, IC 95%, 1.13-1.53 ).
Il rischio di mortalità non è risultato variato in base alla categoria della FEVS. ( Xagena2018 )

Fonte: Journal of American College of Cardiology, 2018

Cardio2018



Indietro