52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Lo strain longitudinale globale predice la mortalità nell'insufficienza cardiaca acuta


Uno studio ha dimostrato che lo strain longitudinale globale è in grado di predire in modo più accurato la mortalità rispetto alla frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) nei pazienti con scompenso cardiaco acuto.

La deformazione longitudinale globale ha un valore prognostico maggiore della frazione di eiezione del ventricolo sinistro.
Pertanto, secondo i ricercatori della Seoul National University di Seangnam ( Corea del Sud ) lo strain longitudinale globale dovrebbe essere considerato come misura standard in tutti i pazienti con scompenso cardiaco.

Lo strain longitudinale globale è stato misurato in 4.172 pazienti con insufficienza cardiaca acuta. I pazienti sono stati classificati in base alla frazione di eiezione: ridotta ( inferiore al 40% ), intermedia ( 40-49% ) e conservata ( 50% ).

Lo strain leggermente ridotto è stato definito come strain longitudinale globale di almeno il 12.6%, lo strain moderatamente ridotto è stato definito come strain longitudinale globale tra 8.1% e 12.5% e lo strain fortemente ridotto è stato definito come strain longitudinale globale pari o inferiore all'8%.

L'endpoint primario era la mortalità per qualsiasi causa a 5 anni.

La FEVS media era del 40%, lo strain longitudinale globale medio era del 10.8%, e il 40.4% dei pazienti è deceduto a 5 anni.

I pazienti con frazione di eiezione ridotta avevano un tasso di mortalità del 41% contro il 38% di quelli con frazione di eiezione media e il 39% di quelli con frazione di eiezione conservata ( log-rank P = 0.031 ).

Tuttavia, c'è stata una differenza più significativa nella mortalità a 5 anni da parte della categoria con strain longitudinale globale ( gruppo forte riduzione, 49%; gruppo riduzione moderata, 38%; gruppo riduzione lieve, 34%; log-rank P inferiore a 0.001 ).

Quando i ricercatori hanno eseguito una analisi multivariata, hanno scoperto che ogni aumento dell'1% dello strain longitudinale globale era associato a un rischio di mortalità ridotto del 5% ( P inferiore a 0.001 ).

Rispetto al gruppo strain lievemente ridotto, il gruppo strain fortemente ridotto aveva una mortalità maggiore ( hazard ratio, HR=1.61, IC 95%, 1.36-1.91 ), così come il gruppo strain moderatamente ridotto ( HR=1.31, IC 95%, 1.13-1.53 ).
Il rischio di mortalità non è risultato variato in base alla categoria della FEVS. ( Xagena2018 )

Fonte: Journal of American College of Cardiology, 2018

Cardio2018



Indietro