52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Le catene leggere libere combinate sono nuovi predittori di prognosi nella insufficienza cardiaca


Uno studio ha indagato la prevalenza e il potenziale valore prognostico incrementale delle catene leggere libere combinate ( cFLC ) in pazienti ospedalizzati di recente con insufficienza cardiaca scompensata.

I pathway infiammatori sono riconosciuti nella patogenesi e nella progressione dello scompenso cardiaco.
Un aumento delle catene leggere libere viene convenzionalmente associato a gammopatie monoclonali, compreso il mieloma multiplo.
Aumenti policlonali sia kappa sia lambda delle catene leggere libere si verificano nelle malattie autoimmuni e in altre condizioni infiammatorie croniche.
Recentemente, è stato sviluppato un nuovo metodo di analisi per misurare le catene leggere libere kappa e lambda ( anche note come catene leggere libere combinate ).

Sono stati studiati 628 pazienti recentemente ospedalizzati con insufficienza cardiaca scompensata.

Le catene leggere libere combinate sono state misurate mediante turbidimetria utilizzando un test immunologico.

Dei 628 pazienti, 290 ( 46% ) sono morti nel corso del follow-up ( durata media di 3.2 anni ).
270 pazienti ( 43% ) aveva valori elevati delle catene leggere libere combinate.

E’stato evidenziato un chiaro gradiente del rischio di morte sulla base del quartile di catena leggera libera combinata, con quelli nel quartile superiore che avevano un rischio non-aggiustato di mortalità più che doppio rispetto a quelli nel quartile più basso ( hazard ratio, HR = 2.38; p minore di 0.0001 ).

Dopo l'analisi multivariata, la catena leggera libera combinata è rimasta un predittore indipendente di mortalità, con un rischio aggiustato più elevato di quasi il 50% per i soggetti nel quartile più alto rispetto al quartile più basso.

L'età avanzata, il più basso indice di massa corporea ( BMI ), la classe NYHA III/IV, un precedente infarto miocardico, il fumo corrente e il peptide natriuretico di tipo B ( BNP ), la bilirubina, la proteina C-reattiva ad alta sensibilità ( hs-CRP ), l’emoglobina glicata, e la concentrazione dei linfociti erano anche predittori indipendenti di mortalità.

In conclusione, le catene leggere libere combinate sono un predittore indipendente di mortalità nei pazienti ospedalizzati con recente insufficienza cardiaca scompensata.
Ulteriore lavoro è richiesto per valutare gli effetti delle terapie dell’insufficienza cardiaca sulle concentrazioni delle catene leggere libere combinate, oppure se il target diretto o non-diretto di questo marcatore di infiammazione migliora la prognosi per i pazienti con scompenso cardiaco.

Prospettive

I pathway infiammatori sono riconosciuti nella patogenesi e nella progressione dello scompenso cardiaco.
Gli aumenti delle catene leggere libere sia kappa sia lambda si verificano nelle malattie autoimmuni e in altre condizioni infiammatorie croniche.
Le catene leggere libere combinate sono un predittore indipendente di mortalità nei pazienti ospedalizzati con recente insufficienza cardiaca scompensata.

Anche se, in questo studio, una misura isolata delle catene leggere libere combinate identifica i pazienti a maggior rischio di morte, il monitoraggio longitudinale di questo biomarcatore può essere più utile per la stratificazione del rischio e l'identificazione dei pazienti a rischio particolarmente elevato.

Gli effetti delle terapie per lo scompenso cardiaco e i trattamenti immunomodulanti sulle concentrazioni delle catene leggere libere combinate non sono noti, ma dovrebbero essere studiati in quanto questi possono migliorare la stratificazione del rischio per i pazienti con insufficienza cardiaca. ( Xagena2015 )

Jackson CE et al, JCHF 2015; 3: 618-625

Cardio2015



Indietro