52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Insufficienza cardiaca acuta: valore prognostico della osteoprotegerina


L’osteoprotegerina appare essere un promettente predittore di prognosi sfavorevole nei pazienti con sindromi coronariche acute e insufficienza cardiaca cronica.
Il suo valore prognostico nello scompenso cardiaco acuto non è noto.

L'obiettivo di uno studio è stato quello di valutare il valore prognostico fornito da livelli sierici di osteoprotegerina alla dimissione dopo un ricovero per insufficienza cardiaca acuta.

In uno studio prospettico, i ricercatori hanno arruolato 338 pazienti consecutivi ricoverati per insufficienza cardiaca acuta in un reparto di medicina interna di un ospedale universitario in Portogallo nel periodo 2009-2010.

L’osteoprotegerina è stata misurata con un test disponibile in commercio di immunoassorbimento enzimatico.

I pazienti sono stati seguiti per un massimo di sei mesi dopo la dimissione per accertare la presenza di tutte le cause di morte o di riammissione in ospedale derivanti da insufficienza cardiaca acuta.

Durante il follow-up, 119 pazienti sono morti o sono stati riammessi per insufficienza cardiaca acuta.
Un aumento graduale del rischio dell'endpoint combinato è stato osservato attraverso i quartili di osteoprotegerina.

A 6 mesi, il rischio cumulativo dell’endpoint è stato del 25% per il primo quartile e del 50% per il quarto quartile.
Il rischio aggiustato a variabili multiple di morte o di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca acuta è aumentato progressivamente tra le categorie di osteoprotegerina fino a un incremento del rischio, statisticamente significativo, di 2.44 volte nella massima categoria ( P per trend lineare = 0.002; del 5% per 10 pg/mL di aumento della osteoprotegerina ).

In conclusione, l’osteoprotegerina sierica è risultata direttamente associata a una maggiore probabilità di morte o di ricovero per scompenso cardiaco acuto entro 6 mesi, indipendentemente da altri marcatori prognostici noti.
Questo era vero sia quando la frazione di eiezione era preservata sia quando era ridotta. ( Xagena2015 )

Friões F et al, J Cardiol Can 2015; Epub ahead of print

Cardio2015 Diagno2015



Indietro