52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Indice di massa corporea, peptidi natriuretici e rischio di esiti avversi nei pazienti con insufficienza cardiaca e frazione di eiezione conservata


L'inter-relazione prognostica tra livelli di peptide natriuretico ( NP ) e indice di massa corporea ( BMI ) tra i pazienti con insufficienza cardiaca stabile cronica con frazione di eiezione conservata non è ben caratterizzata.

I partecipanti allo studio TOPCAT ( Treatment of Preserved Cardiac Function Heart Failure With an Aldosterone Antagonist ) arruolati nelle Americhe che soddisfacevano l’inclusione per livello di peptide natriuretico sono stati stratificati in 4 categorie derivate dai dati di indice BMI e punteggio standardizzato NP-z.

I modelli Cox-proporzionali corretti hanno determinato l'associazione indipendente tra indice BMI, punteggio NP-z, e categorie BMI/NP con endpoint primario composito, ospedalizzazione per insufficienza cardiaca e mortalità per tutte le cause.

La popolazione dello studio era composta da 997 persone.

È stata rilevata una relazione a forma di U tra indice BMI e peptide natriuretico con elevati livelli di peptide natriuretico osservati agli estremi della distribuzione dell'indice BMI.

C'è stata anche una relazione a forma di U tra indice BMI e rischio di esiti clinici avversi con il minor rischio tra i pazienti che si avvicinavano a indice BMI di 25 kg/m2.

Al contrario, i più alti livelli di peptide natriuretico sono risultati linearmente associati a un più alto rischio di esiti clinici avversi.

Per categorie basate su BMI/NP, i partecipanti nel gruppo alto indice BMI / alti livelli di NP avevano una maggiore prevalenza di anomalie strutturali e funzionali cardiache e il più alto rischio di esiti clinici avversi ( hazard ratio per endpoint primario, HR=2.29; riferimento: basso indice BMI / bassi livelli di NP ).

In conclusione, esiste un'associazione a forma di U tra indice di massa corporea e livelli di peptide natriuretico tra i pazienti con insufficienza cardiaca cronica con frazione di eiezione conservata.
Più alti livelli di peptide natriuretico sono associati indipendentemente a un più alto rischio di mortalità attraverso gli strati sia alti che bassi di indice BMI.
Tra i pazienti obesi con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata, gli elevati livelli di peptide natriuretico identificano un fenotipo a rischio più elevato con una incidenza significativamente maggiore di mortalità e ospedalizzazione per insufficienza cardiaca. ( Xagena2018 )

Pandey A et al, J Am Heart Assoc 2018;7(21):e009664. doi: 10.1161/JAHA.118.009664.

Endo2018 Cardio2018



Indietro