Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Frequenza cardiaca ed esiti nei pazienti ospedalizzati con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata


Una frequenza cardiaca inferiore è associata a migliori esiti nei pazienti con insufficienza cardiaca ( HF ) con frazione di eiezione ridotta ( EF )
Meno è noto su questa associazione nei pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata ( HFpEF ).

Uno studio ha esaminato le associazioni tra frequenza cardiaca alla dimissione e gli esiti nei pazienti ospedalizzati con HFpEF.
Su 8.873 pazienti ospedalizzati con HFpEF ( frazioen di eiezione maggiore o uguale al 50% ) nel registro Medicare OPTIMIZE-HF ( Organized Program to Initiate Lifesaving Treatment in Hospitalized Patients with Heart Failure ), 6.286 avevano una frequenza cardiaca stabile, definita come una variazione minore o uguale a 20 battiti/minuto tra ricovero e dimissione.

Di questi, 2.369 ( 38% ) avevano una frequenza cardiaca alla dimissione inferiore a 70 battiti/minuto.
I punteggi di propensione per la frequenza cardiaca alla dimissione inferiore a 70 battiti/minuto, stimati per ciascuno dei 6.286 pazienti, sono stati usati per assemblare una coorte di 2.031 coppie di pazienti con frequenza cardiaca inferiore a 70 battiti/minuto rispetto a maggiore o uguale a 70 battiti/minuto, bilanciata su 58 caratteristiche basali.

I 4.062 pazienti abbinati avevano una età media di 79 anni, il 66% erano donne e il 10% erano afroamericani.

Durante 6 anni ( mediana 2.8 anni ) di follow-up, la mortalità per tutte le cause è stata del 65% rispetto al 70% per i pazienti con una frequenza cardiaca alla dimissione inferiore a 70 battiti/minuto rispetto a maggiore o uguale a 70 battiti/minuto, rispettivamente ( hazard ratio, HR: 0.86; P minore di 0.001 ).

Una frequenza cardiaca inferiore a 70 battiti/minuto è stata anche associata a un rischio inferiore per l'endpoint combinato di nuovo ricovero per insufficienza cardiaca o mortalità per tutte le cause ( HR=0.90; P=0.002 ), ma non nuovo ricovero per insufficienza cardiaca ( HR=0.93 ) o nuovo ricovero per qualsiasi causa ( HR=1.01 ).

Associazioni simili sono state osservate indipendentemente dal ritmo cardiaco o dall’uso di beta-bloccanti.

In conclusione, tra i pazienti ospedalizzati con HFpEF, una frequenza cardiaca alla dimissione inferiore è stata associata in modo indipendente a un minore rischio di mortalità per tutte le cause, ma non di nuovo ricovero. ( Xagena2017 )

Lam PH et al, J Am Coll Cardiol 2017; 70: 1861-1871

Cardio2017



Indietro