52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Empagliflozin ha ridotto la mortalità e il ricovero in ospedale per insufficienza cardiaca attraverso lo spettro del rischio cardiovascolare nello studio EMPA-REG OUTCOME


Nello studio EMPA-REG OUTCOME ( Empagliflozin Cardiovascular Outcome Event Trial in Type 2 Diabetes Mellitus Patients ) in pazienti con diabete mellito di tipo 2 e malattie cardiovascolari aterosclerotiche, rispetto al placebo, Empagliflozin ( Jardiance ) ha ridotto i rischi di eventi cardiovascolari avversi maggiori a 3 punti ( MACE a 3 punti ), morte cardiovascolare e morte per qualsiasi causa e ricovero per insufficienza cardiaca.

Si è studiato se questi effetti variassero attraverso lo spettro del rischio cardiovascolare al basale.

La morte cardiovascolare, la mortalità per tutte le cause, MACE a 3 punti e il ricovero per insufficienza cardiaca nei gruppi raggruppati di Empagliflozin e placebo sono stati analizzati in sottogruppi in base a precedente infarto miocardico e ictus al basale e rischio cardiovascolare stimato al basale in base al TIMI ( Thrombolysis In Myocardial Infarction ) Risk Score for Secondary Prevention in 10 punti.

Dei 7.020 pazienti che hanno ricevuto il farmaco in studio, il 65% aveva avuto un precedente infarto del miocardio o ictus e il 12%, 40%, 30% e 18% erano a rischio cardiovascolare basso, intermedio, alto e più alto stimato secondo il punteggio di rischio TIMI per la prevenzione secondaria ( inferiore o uguale a 2, 3, 4 e maggiore o uguale a 5 punti, rispettivamente ).

Nel gruppo placebo, MACE a 3 punti si è verificato durante lo studio nel 7.3%, 9.4%, 12.6% e 20.6% dei pazienti a rischio basale rispettivamente basso, intermedio, alto e massimo stimato.

Riduzioni relative del rischio di morte cardiovascolare, mortalità per tutte le cause, MACE a 3 punti e ricovero per insufficienza cardiaca con Empagliflozin rispetto al placebo erano coerenti nei pazienti con e senza precedente infarto del miocardio e/o ictus e tra i sottogruppi di TIMI Risk Score for Secondary Prevention al basale ( P maggiore di 0.05 per interazioni randomizzate per sottogruppo e gruppo ).

Nonostante tutti i pazienti con malattia cardiovascolare aterosclerotica, i pazienti in EMPA-REG OUTCOME hanno dimostrato un ampio spettro di rischio per eventi cardiovascolari.
Le riduzioni degli esiti cardiovascolari chiave e della mortalità con Empagliflozin rispetto al placebo sono state coerenti in tutta la gamma di rischio cardiovascolare. ( Xagena2019 )

Fitchett D et al, Circulation 2019; 139: 1384-1395

Cardio2019 Endo2019 Farma2019


Indietro