Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa

Effetto di Dapagliflozin sulla mortalità causa-specifica nei pazienti con insufficienza cardiaca in tutto lo spettro della frazione di eiezione: analisi aggregata di DAPA-HF e DELIVER


In 2 studi che hanno arruolato pazienti con insufficienza cardiaca ( HF ) in tutto lo spettro della frazione di eiezione ( EF ), Dapagliflozin ( Forxiga ) ha dimostrato di ridurre il tasso composito di peggioramento degli eventi di scompenso cardiaco o morte per cause cardiovascolari.

Sono stati esaminati gli effetti di Dapagliflozin sulla mortalità cardiovascolare e non-cardiovascolare specifica per causa in tutto lo spettro della frazione di eiezione.

È stata condotta un'analisi secondaria a livello di partecipante, aggregata, prespecificata dei dati dello studio DAPA-HF ( Dapagliflozin and Prevention of Adverse Outcomes in Heart Failure ), o ( frazione di eiezione ventricolare sinistra dei partecipanti, FEVS inferiore o uguale al 40% ) e dello studio DELIVER ( Dapagliflozin Evaluation to Improve the Lives of Patients With Preserved Ejection Fraction Heart Failure ) ( FEVS dei partecipanti superiore al 40% ), per valutare gli effetti del trattamento randomizzato sulla mortalità causa-specifica.

Gli studi hanno assegnato popolazioni adiacenti di pazienti con insufficienza cardiaca cronica, sintomi di classe NYHA II-IV e peptidi natriuretici elevati al trattamento con Dapagliflozin ( 10 mg, una volta al giorno ) o placebo.

L'esito primario per ogni studio era un composito di peggioramento degli eventi di insufficienza cardiaca ( ospedalizzazione o visite urgenti per insufficienza cardiaca ) o morte cardiovascolare.
Gli esiti clinici, inclusi tutti i decessi, sono stati giudicati in merito alla causa da Comitati per gli endpoint clinici all'oscuro dell'assegnazione del trattamento.

Tra gli 11.007 pazienti nel set di dati raccolti, ci sono stati 1.628 decessi durante il follow-up ( età media, 71.7 anni; 1.139 maschi, 70.0% ). Tra coloro che sono deceduti, 872 ( 53.5% ) sono stati attribuiti a decessi cardiovascolari, 487 ( 29.9% ) a decessi non-cardiovascolari e 269 ( 16.5% ) a cause indeterminate.

Dei decessi cardiovascolari, 289 ( 33.1%; questo rappresentava il 17.8% dei decessi totali ) erano dovuti a insufficienza cardiaca, in 441 ( 50.6%; 27.1% dei decessi totali ) la morte è stata improvvisa, 69 ( 7.9%; 4.2% dei decessi totali ) erano dovuti a ictus, 47 ( 5.4%; 2.9% dei decessi totali ) a infarto del miocardio e in 26 ( 3.0%; 1.6% dei decessi totali ) alla base c'erano altre cause cardiovascolari.

La proporzione di decessi non-cardiovascolari è risultata più alta in quelli con frazione di eiezione più elevata.
Nella popolazione aggregata, in tutto lo spettro di frazione di eiezione, il trattamento con Dapagliflozin è stato associato a tassi più bassi di morte cardiovascolare ( hazard ratio, HR, 0.86; P=0.02 ), principalmente a causa di tassi inferiori di morte improvvisa ( HR, 0.84; P=0.07 ) e morte per insufficienza cardiaca ( HR, 0.88; P=0.30 ), con poca differenza nei tassi di morte per ictus o infarto del miocardio.

In un'analisi aggregata di pazienti con insufficienza cardiaca negli studi clinici randomizzati DAPA-HF e DELIVER, nell'intero spettro della frazioen di eiezione del ventricolo sinistro, Dapagliflozin ha ridotto significativamente i rischi di morte cardiovascolare con il contributo di tassi più bassi di morte improvvisa e di morte per insufficienza cardiaca progressiva. ( Xagena2022 )

Desai AS et al, JAMA Cardiol 2022; 7: 1227-1234

Cardio2022 Farma2022



Indietro