52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Effetti del esercizio fisico sui sintomi depressivi nei pazienti con scompenso cardiaco cronico


La depressione è comune nei pazienti con malattie cardiache, specialmente nei pazienti con insufficienza cardiaca, ed è associata a un aumento del rischio di esiti negativi per la salute.

Alcune evidenze suggeriscono che l'esercizio aerobico può ridurre i sintomi depressivi, ma gli effetti dell'attività fisica sulla depressione in pazienti con scompenso cardiaco non sono stati valutati.

Uno studio multicentrico, randomizzato e controllato ha coinvolto 2.322 pazienti stabili trattati per insufficienza cardiaca provenienti da 82 Centri medici negli Stati Uniti, Canada e Francia.

I pazienti che avevano una frazione di eiezione ventricolare sinistra del 35% o inferiore, classe NYHA da I a IV per insufficienza cardiaca, e che erano stati sottoposti a valutazione mediante scala BDI-II ( Beck Depression Inventory II ) sono stati randomizzati in un rapporto 1:1 nel periodo 2003-2007.

I punteggi alla scala di depressione variavano da 0 a 59; punteggi di 14 o superiori erano considerati clinicamente significativi.

I partecipanti sono stati randomizzati ad esercizio aerobico supervisionato ( obiettivo di 90 min/sett per i mesi 1-3 seguiti da esercizi a casa con l'obiettivo di 120 o più min/sett per i mesi 4-12 ) o alla cura tradizionale secondo le linee guida per l'insufficienza cardiaca.

Le misure di esito sono state un composito di morte o di ospedalizzazione per qualsiasi causa e i punteggi BDI-II ai mesi 3 e 12.

Con un follow-up mediano di 30 mesi, 789 pazienti ( 68% ) sono deceduti o sono stati ospedalizzati nel gruppo trattato tradizionalmente rispetto a 759 ( 66% ) nel gruppo di esercizio aerobico ( hazard ratio, HR=0.89, P=0.03 ).

Il punteggio mediano BDI-II è stato pari a 8, con il 28% del campione con punteggio BDI-II di 14 o superiore.

Rispetto al trattamento convenzionale, l'esercizio aerobico ha determinato un calo delle medie dei punteggi BDI-II a 3 mesi ( esercizio aerobico, 8.95 vs cure tradizionali, 9.70; differenza, -0.76; P=0.002 ) e a 12 mesi ( esercizio aerobico, 8.86 vs cura tradizionale, 9.54; differenza, -0.68; P=0.01 ).

In conclusione, rispetto alla cura secondo le lineeguida tradizionali, l'esercizio fisico ha determinato una modesta riduzione dei sintomi depressivi, anche se il significato clinico di questo miglioramento è sconosciuto. ( Xagena2012 )

Blumenthal JA et al, JAMA 2012; 308: 465-474


Cardio2012 Psyche2012



Indietro