Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Dapagliflozin nei pazienti con insufficienza cardiaca e frazione di eiezione ridotta


Nei pazienti con diabete di tipo 2, gli inibitori del cotrasportatore sodio-glucosio di tipo 2 ( SGLT2 ) riducono il rischio di un primo ricovero per insufficienza cardiaca, probabilmente attraverso meccanismi indipendenti dal glucosio.
Sono necessari ulteriori dati riguardanti gli effetti degli inibitori SGLT2 in pazienti con insufficienza cardiaca accertata e una frazione di eiezione ridotta, indipendentemente dalla presenza o dall'assenza di diabete di tipo 2.

In uno studio di fase 3, controllato con placebo, sono stati assegnati casualmente 4.744 pazienti con insufficienza cardiaca di classe NYHA II, III o IV e una frazione di eiezione del 40% o inferiore a ricevere Dapagliflozin ( Forxiga ) ( alla dose di 10 mg una volta al giorno ) oppure placebo, oltre alla terapia raccomandata.

L'esito primario era un composito di peggioramento dell'insufficienza cardiaca ( ricovero o una visita urgente con conseguente terapia endovenosa per insufficienza cardiaca ) o morte cardiovascolare.

In una mediana di 18.2 mesi, l'esito primario si è verificato in 386 su 2.373 pazienti ( 16.3% ) nel gruppo Dapagliflozin e in 502 su 2.371 pazienti ( 21.2% ) nel gruppo placebo ( hazard ratio, HR=0.74; P minore di 0.001 ).

Un primo evento di peggioramento dell’insufficienza cardiaca si è verificato in 237 pazienti ( 10.0% ) nel gruppo Dapagliflozin e in 326 pazienti ( 13.7% ) nel gruppo placebo ( HR=0.70 ).

La morte per cause cardiovascolari si è verificata in 227 pazienti ( 9.6% ) nel gruppo Dapagliflozin e in 273 pazienti ( 11.5% ) nel gruppo placebo ( HR=0.82 ); 276 pazienti ( 11.6% ) e 329 pazienti ( 13.9% ), rispettivamente, sono deceduti per qualsiasi causa ( HR=0.83 ).

I risultati nei pazienti con diabete erano simili a quelli nei pazienti senza diabete.

La frequenza di eventi avversi correlati a deplezione del volume, disfunzione renale e ipoglicemia non differiva tra i gruppi di trattamento.

Tra i pazienti con insufficienza cardiaca e una ridotta frazione di eiezione, il rischio di peggioramento dell'insufficienza cardiaca o morte per cause cardiovascolari è risultato inferiore tra quelli che avevano ricevuto Dapagliflozin rispetto a quelli che avevano ricevuto placebo, indipendentemente dalla presenza o dall'assenza di diabete. ( Xagena2019 )

McMurray JJV et al, N Engl J Med 2019; 381: 1995-2008

Endo2019 Cardio2019 Farma2019


Indietro