Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Canagliflozin e insufficienza cardiaca nel diabete mellito di tipo 2: risultati dal CANVAS Program


Canagliflozin ( Invokana ) è un inibitore del cotrasportatore sodio-glucosio di tipo 2 ( SGLT2 ) che riduce il rischio di eventi cardiovascolari.

Sono stati riportati gli effetti sull'insufficienza cardiaca e sulla morte cardiovascolare in generale, in pazienti con e senza una storia di base di scompenso cardiaco e in altri sottogruppi partecipanti.

Il programma CANVAS ( Canagliflozin Cardiovascular Assessment Study ) ha arruolato 10.142 partecipanti con diabete mellito di tipo 2 e alto rischio cardiovascolare.
I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a Canagliflozin oppure placebo, e sono stati seguiti per una media di 188 settimane.

L'endpoint primario per queste analisi era la morte cardiovascolare o l'insufficienza cardiaca ospedalizzata.

I partecipanti con una storia di insufficienza cardiaca al basale ( 14.4% ) erano più frequentemente donne, bianchi e ipertesi e avevano una storia di malattia cardiovascolare pregressa ( tutti P minore di 0.001 ).

Più grandi proporzioni di questi pazienti stavano usando terapie come bloccanti del sistema renina angiotensina aldosterone ( SRAA ), diuretici e beta-bloccanti al basale ( tutti P minore di 0.001 ).

Complessivamente, la mortalità cardiovascolare o insufficienza cardiaca ospedalizzata sono risultate ridotte nei soggetti trattati con Canagliflozin rispetto al placebo ( 16.3 vs 20.8 per 1.000 anni-paziente, hazard ratio HR, 0.78 ), così come insufficienza cardiaca fatale o ospedalizzata ( HR, 0.70 ) e solo insufficienza cardiaca ospedalizzata ( HR, 0.67 ).

Il beneficio relativo a morte cardiovascolare o insufficienza cardiaca ospedalizzata può essere maggiore nei pazienti con storia pregressa di insufficienza cardiaca ( HR, 0.61 ) rispetto a quelli senza insufficienza cardiaca al basale ( HR, 0.87, P=0.021 ).

Gli effetti di Canagliflozin rispetto al placebo su altri esiti cardiovascolari ed esiti di sicurezza erano simili nei partecipanti con e senza insufficienza cardiaca al basale ( tutti P per interazione maggiore di 0.130 ), ad eccezione di una possibile riduzione del tasso assoluto di eventi attribuibili alla diuresi osmotica tra quelli con una storia pregressa di insufficienza cardiaca ( P=0.03 ).

In conclusione, nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 e un rischio elevato di malattia cardiovascolare, Canagliflozin ha ridotto il rischio di morte cardiovascolare o di insufficienza cardiaca ospedalizzata in un'ampia gamma di sottogruppi di pazienti diversi.
I benefici possono essere maggiori in quelli con una storia di insufficienza cardiaca al basale. ( Xagena2018 )

Rådholm K et al, Circulation 2018; 138: 458-468

Cardio2018 Endo2018 Farma2018


Indietro