Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Associazione tra uso di defibrillatore cardioverter impiantabile di prevenzione primaria e mortalità nei pazienti con insufficienza cardiaca


La maggior parte degli studi randomizzati sul defibrillatore cardioverter impiantabile ( ICD ) per la prevenzione primaria della morte cardiaca improvvisa nell'insufficienza cardiaca con ridotta frazione di eiezione ha arruolato pazienti più di 20 anni fa.
È stata studiata l'associazione tra uso di defibrillatore ICD e mortalità per qualsiasi causa in una coorte con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta, e sono stati esaminati sottogruppi rilevanti.

Sono stati inclusi i pazienti del Swedish Heart Failure Registry che soddisfacevano i criteri della Società europea di cardiologia per ICD di prevenzione primaria.
L'associazione tra uso di difibrillatore ICD e mortalità a 1 e 5 anni per qualsiasi causa e per causa cardiovascolare è stata valutata in una coorte abbinata per punteggio di propensione e in sottogruppi prespecificati.

Dei 16.702 pazienti ammissibili, solo a 1.599 ( 10% ) era stato impiantato un defibrillatore ICD.
Dopo l'abbinamento, 1.305 destinatari di defibrillatore ICD sono stati confrontati con 1.305 non-destinatari.

L'uso del defibrillatore cardioverter impiantabile è stato associato a una riduzione del rischio di mortalità per tutte le cause entro 1 anno ( hazard ratio, HR=0.73 ) e 5 anni ( HR=0.88 ).

I risultati sono stati coerenti in tutti i sottogruppi, inclusi i pazienti con rispetto a quelli senza cardiopatia ischemica, gli uomini rispetto alle donne, quelli di età inferiore a 75 anni rispetto a quelli di età maggiore o uguale a 75 anni, quelli con precedente arruolamento rispetto a successivo arruolamento nel registro svedese per l'insufficienza cardiaca e i pazienti con rispetto a quelli senza terapia di resincronizzazione cardiaca.

In una popolazione con insufficienza cardiaca con ridotta frazione di eiezione, il defibrillatore ICD per la prevenzione primaria è risultato sottoutilizzato, sebbene fosse associato a ridotta mortalità per tutte le cause a breve e lungo termine.
Questa associazione era coerente in tutti i sottogruppi esaminati.
Questi risultati richiedono una migliore implementazione della terapia con defibrillatore cardioverter impiantabile. ( Xagena2019 )

Schrage B et al, Circulation 2019; 140: 1530-1539

Cardio2019



Indietro