Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Associazione tra terapia con antagonisti del aldosterone e rischi di mortalità e di nuovo ricovero nei pazienti con insufficienza cardiaca e ridotta frazione di eiezione


La terapia con un agonista dell'aldosterone per insufficienza cardiaca e ridotta frazione di eiezione si è dimostrata altamente efficace in studi clinici randomizzati.
Tuttavia, rimangono dei dubbi riguardo alla efficacia e alla sicurezza della terapia nella pratica clinica.

Utilizzando dati del registro Medicare dal 2005 fino al 2010, sono stati esaminati gli esiti dei pazienti eleggibili ospedalizzati con scompenso cardiaco e ridotta frazione di eiezione.
Sono state considerate tutte le cause di mortalità, nuovo ricovero cardiovascolare e nuovo ricovero per insufficienza cardiaca a 3 anni, e nuovo ricovero per iperkaliemia a 30 giorni e a 1 anno.

Tra i 5.887 pazienti che hanno incontrato i criteri di inclusione, l'età media era di 77.6 anni; di questi, 1.070 ( 18.2% ) hanno iniziato la terapia con antagonisti del aldosterone al momento della dimissione.

I tassi di incidenza cumulativa tra i pazienti trattati e non-trattati sono stati 49.9% vs 51.2% ( P=0.62 ) per la mortalità; 63.8% vs 63.9% ( P=0.65 ) per la riammissione ospedaliera per causa cardiovascolare, e 38.7% vs 44.9% ( P minore di 0.001 ) per la riammissione per insufficienza cardiaca a 3 anni; e 2.9% vs 1.2% ( P minore di 0.001 ) per la riammissione per iperpotassiemia entro 30 giorni e 8.9% vs 6.3% ( P=0.002 ) entro 1 anno.

Dopo ponderazione inversa per le probabilità di trattamento, non ci sono state differenze significative nella mortalità ( hazard ratio [HR], 1.04; P=0.32 ) e nel nuovo ricovero per cause cardiovascolari ( HR=1.00; P=0.94 ).

I nuovi ricoveri per insufficienza cardiaca sono stati più bassi tra i pazienti trattati a 3 anni ( HR=0.87; P=0.02 ).

I nuovi ricoveri associati a iperkaliemia sono stati maggiori con la terapia con antagonisti dell'aldosterone a 30 giorni ( HR=2.54; P minore di 0.001 ) e a 1 anno ( HR=1.50; P minore di 0.001 ).

In conclusione, iniziare la terapia con un antagonista dell'aldosterone alla dimissione non è stato indipendentemente associato con maggiore mortalità o nuovo ricovero per motivi cardiovascolari, ma è stato associato ad aumento dei nuovi ricoveri per scompenso cardiaco tra i pazienti più anziani con insufficienza cardiaca e ridotta frazione di eiezione.
C'è stato un aumento significativo del rischio di nuovo ricovero con iperpotassiemia, prevalentemente entro 30 giorni dopo la dimissione. ( Xagena2012 )

Hernandez AF et al, JAMA 2012; 308: 2097-2107


Cardio2012 Farma2012


Indietro