52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Associazione di malattia simil-influenzale con ricoveri per insufficienza cardiaca: studio Atherosclerosis Risk in Communities


L'influenza è associata a un aumentato rischio di eventi cardiovascolari, ma pochi studi hanno esplorato l'associazione temporale tra attività influenzale e ricoveri ospedalieri, in particolare quelli causati da insufficienza cardiaca.

È stata esaminata l'associazione temporale tra attività influenzale e ospedalizzazione a causa di isufficienza cardiaca e infarto del miocardio.
Si è ipotizzato che l'aumento dell'attività influenzale sia associata a un aumento delle ospedalizzazioni per scompenso cardiaco e infarto miocardico tra gli adulti.

Come parte della componente di sorveglianza di comunità dello studio ARIC ( Atherosclerosis Risk in Communities ), uno studio basato sulla popolazione con ospedalizzazioni campionate da 4 comunità statunitensi, sono stati raccolti dati da 451.588 adulti di età compresa tra 35 e 84 anni residenti nelle comunità ARIC da campioni cross-sezionali, stratificati in modo random, annuali di ricoveri tra il 2010 e il 2014.

È stata esaminata l’attività dell'influenza mensile, definita come la percentuale delle visite dei pazienti per malattie simil-influenzali per Stato, come riportato dal network di sorveglianza dal CDC ( Centers for Disease Control and Prevention ).

Gli esiti principali erano la frequenza mensile di ospedalizzazioni per infarto miocardico ( n=3.541 ) e di ospedalizzazioni per scompenso cardiaco ( n=4.321 ), raccolti attraverso la sorveglianza di comunità e giudicati come parte dello studio ARIC.

Tra il 2010 e il 2014, 2.042 ( 47.3% ) e 1.599 ( 45.1% ) pazienti campionati che erano stati ospedalizzati per scompenso cardiaco e infarto miocardico, rispettivamente, erano donne e 2.391 ( 53.3% ) e 2.013 ( 57.4% ) erano bianchi.

Un aumento assoluto mensile del 5% dell'attività influenzale è risultato associato a un aumento del 24% dei tassi di ospedalizzazione per scompenso cardiaco, standardizzati alla popolazione totale di ciascuna comunità, nello stesso mese dopo aggiustamento per regione, stagione, etnia, sesso, età e numero di ospedalizzazioni per scompenso / infarto del mese precedente ( tasso di incidenza, 1.24, P minore di 0.001 ), mentre l'attività generale dell'influenza non è risultata significativamente associata a ospedalizzazioni per infarto miocardico ( incidence rate ratio, IRR=1.02; P=0.72 ).

L'attività influenzale nei mesi precedenti l'ospedalizzazione non è stata associata a entrambi gli esiti.
Il modello ha indicato che in un mese con alta attività influenzale, circa il 19% delle ospedalizzazioni per scompenso cardiaco potrebbe essere attribuibile all'influenza.

L'attività influenzale è stata temporaneamente associata a un aumento delle ospedalizzazioni per scompenso cardiaco in 4 stagioni influenzali.
Questi dati hanno indicato che l'influenza può contribuire al rischio di ospedalizzazione per scompenso cardiaco nella popolazione generale. ( Xagena2019 )

Kytömaa S et al, JAMA Cardiol 2019; 4: 363-369

Cardio2019 Inf2019



Indietro