52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Antagonisti del recettore dei mineralcorticoidi ed esiti renali nei pazienti con insufficienza cardiaca con e senza malattia renale cronica


L'effetto degli antagonisti del recettore dei mineralcorticoidi ( MRA ) sulla progressione della malattia renale cronica ( CKD ) nei pazienti con insufficienza cardiaca e con o senza nefropatia cronica preesistente non è stato adeguatamente studiato.

E' stato condotto uno studio di coorte retrospettivo su pazienti adulti consecutivi seguiti presso una Clinica specializzata sullo scompenso cardiaco di un Centro di assistenza terziaria, che erano in trattamento con un inibitore dell'enzima di conversione dell'angiotensina ( ACE inibitore ) o un bloccante del recettore dell'angiotensina ( sartano ).
L'esposizione agli antagonisti del recettore dei mineralcorticoidi è stata valutata a 6 mesi dalla registrazione. I pazienti mai esposti a un antagonista MRA hanno costituito il gruppo di controllo.

Un totale di 314 pazienti a cui è stato prescritto un antagonista MRA sono stati confrontati con 1.116 pazienti che non avevano mai ricevuto un antagonista MRA.
Tra questi, 121 e 408 pazienti, rispettivamente, soffrivano di malattia renale cronica ( velocità di filtrazione glomerulare stimata [ eGFR ] inferiore a 60 mL/min/1.73 m2 ).

Gli antagonisti del recettore dei mineralcorticoidi hanno dovuto essere sospesi in 36 pazienti su 121 con malattia renale cronica ( 29.8% ) e 57 su 165 pazienti senza nefropatia cronica ( 34.5% ) ( p = 0.39 ).

Il trattamento con antagonista MRA è risultato associato a un rischio più elevato di raddoppio persistente della creatinina tra i pazienti senza insufficienza renale cronica ( hazard ratio, HR=4.07, intervallo di confidenza al 95% 1.41-11.73 ).

È stato identificato un rischio numericamente più basso tra i pazienti con insufficienza renale cronica ( HR=0.33, IC 95% 0.04-2,78 ) ( p per interazione = 0.009 ).

L'outcome di sicurezza primario, un composito di qualsiasi raddoppio della creatinina sierica o di qualsiasi episodio di iperkaliemia grave ( K+ maggiore di 6 mmol/L ), si è verificato più comunemente in coloro che avevano fatto uso di antagonisti MRA rispetto ai non-utilizzatori nel sottogruppo di pazienti senza malattia renale cronica, ma non nei pazienti con nefropatia cronica ( p per interazione = 0.02 ).

In conclusione, il trattamento con antagonisti del recettore dei mineralcorticoidi in aggiunta a un ACE inibitore o un sartano può essere prescritto in modo sicuro nei pazienti con scompenso cardiaco con insufficienza renale cronica in quanto non è associato a declino della funzione renale persistente, danno renale acuto o iperkaliemia grave, rispetto alla monoterapia con ACE inibitore / sartano. ( Xagena2019 )

Mavrakanas TA et al, Cardiorenal Med 2019: Epub ahead of print

Cardio2019 Nefro2019 Farma2019


Indietro