CardioPreventariab.it
Prevenzione malattie cardiovascolari
Associazione Silvia Procopio
Gastroenterologia.net

Ipossiemia notturna associata a un aumento della mortalità nei pazienti con insufficienza cardiaca stabile


Uno studio ha esaminato il valore prognostico dei disturbi respiratori nel sonno ( SDB ) in un'ampia coorte di pazienti con insufficienza cardiaca con ridotta funzione ventricolare sinistra ( HF-REF ), con particolare attenzione al ruolo della ipossiemia notturna.

Questo studio prospettico di coorte monocentrico ha arruolato pazienti con insufficienza cardiaca cronica stabile con ridotta funzione del ventricolo sinistro ( NYHA maggiore o uguale a II ) che ricevono un trattamento sulla base delle linee guida.

È stato eseguito l’esame poligrafico in ospedale per determinare l'indice di apnea-ipopnea ( AHI ).
La pulsossimetria è stata utilizzata per determinare il burden ipossiemico ( tempo con saturazione di ossigeno inferiore al 90%, T90 ), ed è stata registrata la mortalità per tutte le cause.

Erano disponibili dati completi per 963 dei 1.249 pazienti.

Al basale, il 58% dei pazienti presentava disturbi respiratori nel sonno da moderati a gravi.

Il follow-up mediano è stato di 7.35 anni; 480 su 963 pazienti ( 49.8% ) sono morti.
Il tasso di mortalità ( per 100 anni-persona ) è stato pari a 8.1 nei pazienti con nessun disturbo respiratorio nel sonno o solo lievi disturbi, ma 12.2 nei pazienti con disturbi respiratori nel sonno moderati-gravi.

L’indice di apnea-ipopnea è risultato significativamente associato con il tempo di morte per qualsiasi causa in un semplice modello di Cox, hazard ratio ( HR ) 1.011, P minore di 0.001, ma non più significativo dopo aggiustamento per fattori confondenti ( HR=1.005, P=0.085 ).

T90 è risultato significativamente ( P minore di 0.001 ) associato con il tempo alla morte per qualsiasi causa, anche dopo aggiustamento per fattori confondenti.

Il rischio di morte è aumentato del 16.1% per ora di T90.
Le probabilità di sopravvivenza a 5 anni per i pazienti nei quartili T90 1, 2, 3 e 4 sono state, rispettivamente, pari a 70, 63, 60 e 50%.

In conclusione, il burden ipossiemico era un predittore affidabile e indipendente di mortalità per qualsiasi causa nei pazienti con insufficienza cardiaca cronica e stabile, e ridotta della funzione del ventricolo sinistro.
Resta da stabilire se l’ipossiemia notturna sia associata a effetti benefici sulla mortalità nei pazienti con insufficienza cardiaca e ridotta della funzione ventricolare sinistra. ( Xagena2016 )

Oldenburg O et al, Eur Heart J 2016; 37: 1695-1703

Cardio2016 Pneumo2016



Indietro