Associazione Silvia Procopio
ACC Meeting
American Heart Association

Fattori associati e implicazioni prognostiche degli elevati livelli di troponina cardiaca nella insufficienza cardiaca decompensata con frazione di eiezione conservata


Elevati livelli di troponina cardiaca sono associati a esiti clinici avversi tra i pazienti con insufficienza cardiaca e frazione di eiezione ridotta.
Tuttavia, il significato clinico dell’elevazione della troponina nell’ambito della insufficienza cardiaca con frazione di eiezione preservata ( HFpEF ) non è ben definito.

Sono stati determinati i predittori clinici di elevazione della troponina e la sua associazione con gli esiti in ospedale e a lungo termine tra i pazienti con HFpEF scompensata mediante una analisi osservazionale del registro Get With The Guidelines-HF i cui partecipanti sono stati ammessi per HFpEF scompensata ( frazione di eiezione uguale o superiore al 50% ) dal 2009 al 2014 e che avevano misure quantitative o di categoria ( elevate versus normali sulla base dei riferimenti di laboratorio ) del livello di troponina ( troponina T o troponina I ).

Le misure principali erano gli esiti in ospedale ( mortalità, durata del soggiorno e destinazione alla dimissione ) e gli esiti post-dimissione ( mortalità a 30 giorni, tasso di riammissione a 30 giorni, mortalità a 1 anno ).

Sono stati inclusi 34.233 pazienti con HFpEF da 224 Centri con livelli di troponina misurati ( 33.4% uomini, età media, 79 anni ): 78.6% ( n=26.896 ) con misurazioni di troponina I e 21.4% ( n=7.319 ) con misurazioni di troponina T. 
Tra questi, il 22.6% ( n=7.732 ) presentava aumentati livelli di troponina.

Nell'analisi aggiustata, un più alto livello di creatinina sierica, pelle nera, età avanzata, e cardiopatia ischemica sono risultati associati ad aumentati livelli di troponina. 
La troponina elevata era associata a una maggiore probabilità di mortalità ospedaliera ( odds ratio, OR=2.19 ), una maggiore durata del ricovero ( lunghezza superiore a 4 giorni OR=1.38 ) e minore probabilità di dimissione a casa ( OR=0.65 ) indipendentemente da altri predittori clinici e fattori confondenti misurati.

La presenza di elevati livelli di troponina I era significativamente associata ad aumentato rischio di mortalità a 30 giorni ( hazard ratio, HR=1.59 ), nuovo ricovero a 30 giorni per tutte le cause ( HR=1.12 ) e mortalità a 1 anno ( HR=1.35 ).

In conclusione, l’elevazione della troponina tra i pazienti con HFpEF scompensata in modo acuto è associata a peggiori esiti in ospedale e post-dimissione, indipendentemente da altre variabili predittive. 
Sono necessari ulteriori studi per determinare se la misurazione dei livelli di troponina nei pazienti con HFpEF scompensata possa essere utile per la stratificazione del rischio. ( Xagena2017)

Pandey A et al, JAMA Cardiol 2017; 2: 136-145

Cardio2017



Indietro